Divieto di lavoro durante la gravidanza

e Sabine Schrör, giornalista medico

Dott. rer. nazionale Daniela Oesterle è una biologa molecolare, genetista umana e redattrice medica. Come giornalista freelance, scrive testi su temi di salute per esperti e profani e cura articoli scientifici specialistici di medici in tedesco e inglese. È responsabile della pubblicazione di corsi di alta formazione certificati per professionisti del settore medico per una rinomata casa editrice.

Maggiori informazioni sugli esperti di

Sabine Schrör è una scrittrice freelance per il team medico di Ha studiato economia aziendale e pubbliche relazioni a Colonia. In qualità di editor freelance, è a suo agio in un'ampia varietà di settori da oltre 15 anni. La salute è una delle sue materie preferite.

Maggiori informazioni sugli esperti di Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Poche settimane prima e dopo il parto, secondo il Maternity Protection Act, c'è il divieto di assunzione. La gravidanza e il benessere della madre e del bambino devono quindi essere protetti. Se sorgono problemi di salute, un divieto individuale di lavoro durante la gravidanza può applicarsi anche al di fuori del normale periodo. Qui puoi leggere tutto quello che c'è da sapere sulla legge sulla tutela della maternità e, in particolare, sul divieto di lavoro.

Gravidanza: legge sulla protezione della maternità

La legge sulla protezione della maternità (MuSchG) protegge le donne incinte o che allattano e i loro figli da pericoli, richieste eccessive e danni alla salute sul posto di lavoro. Previene anche perdite finanziarie o di posti di lavoro durante la gravidanza e un certo periodo dopo il parto. Si applica a tutte le future mamme occupate, apprendiste, stagiste e studentesse. Anche i lavoratori a domicilio ei lavoratori part-time marginali sono tutelati dalla legge. Le donne dovrebbero quindi informare il datore di lavoro o il fornitore di formazione non appena vengono a conoscenza della loro gravidanza.

Sicurezza sul lavoro

Il datore di lavoro è tenuto a notificare la gravidanza all'autorità di controllo competente. Inoltre, deve proteggere la donna incinta o che allatta dai pericoli sul posto di lavoro. Deve allestire il tuo posto di lavoro, comprese macchine, strumenti o dispositivi, in modo tale che non comportino alcun rischio.

Se la donna incinta deve stare costantemente in piedi a causa del suo lavoro, il datore di lavoro deve fornire posti a sedere per le pause. Se invece si tratta di un luogo di lavoro in cui la gestante deve sedere stabilmente, deve consentirle di fare brevi pause per esercizi di movimento.

C'è un divieto generale su alcune attività

La gravidanza è una fase della vita difficile e delicata. Qualsiasi stress eccessivo o pericolo derivante dall'attività lavorativa deve essere evitato. Il lavoro a cottimo, il lavoro in catena di montaggio, il lavoro straordinario, il lavoro domenicale e notturno, nonché il lavoro molto faticoso dal punto di vista fisico sono pertanto vietati dalla legge al fine di tutelare la futura mamma e il suo bambino. Eccezioni a questo sono possibili solo su espressa richiesta della donna incinta, sicurezza certificata da un medico e con l'approvazione delle autorità di controllo competenti.

Secondo la legge, non ci si può aspettare che le donne incinte lavorino con sostanze pericolose o radiazioni, gas o vapori, al caldo, al freddo o all'umidità, vibrazioni o rumore.

Divieto di occupazione

La gravidanza è soggetta a un divieto generale di occupazione nelle sei settimane precedenti il ​​parto, sebbene una donna possa continuare a lavorare durante questo periodo se lo desidera.

Oltre a questo periodo di protezione della maternità prima del parto, ce n'è un altro dopo il parto: secondo questo, una madre può rimanere a casa per otto settimane dopo il parto e non deve lavorare. In caso di parto prematuro o multiplo, questo periodo è esteso a dodici settimane. In caso di parto prematuro, alla donna viene anche accreditato il numero di giorni di congedo di maternità che non ha potuto fruire prima del parto. Se la donna ha dato alla luce un figlio con disabilità e tale disabilità si manifesta entro otto settimane dalla nascita, si applica anche il periodo di protezione esteso di dodici settimane.

Affinché la donna incinta non abbia svantaggi finanziari durante il divieto di lavoro, la legge sulla protezione della maternità prevede le seguenti prestazioni:

  • Durante i periodi di protezione legale prima e dopo il parto: indennità di maternità più contributo del datore di lavoro all'indennità di maternità
  • In caso di divieto di assunzione al di fuori dei periodi di tutela della maternità previsti dalla legge: stipendio pieno

Divieto di lavoro al di fuori dei periodi di congedo di maternità

Se il lavoro svolto mette in pericolo la vita o la salute della madre o del bambino e il datore di lavoro ha esaurito tutte le possibilità per porre rimedio alla situazione senza successo, lui o il medico curante possono emettere un divieto individuale di assunzione durante la gravidanza. L'ulteriore impiego della futura madre può essere vietato in tutto o in parte.

Anche dopo il parto, il medico può emettere un divieto individuale di lavoro parziale oltre il periodo di protezione della maternità di otto settimane. Il presupposto è che la donna sia meno produttiva a causa della maternità.

incapacità al lavoro

Se la donna incinta soffre di una malattia o è stata coinvolta in un infortunio, il medico può certificare che è inabile al lavoro, in altre parole, può mettere la donna in congedo per malattia. Se una malattia è correlata alla gravidanza (come preeclampsia, parto prematuro, emorragie), il medico può certificare l'incapacità lavorativa o emettere un divieto di assunzione (divieto professionale).

Incapacità di lavorare o divieto di impiego: ciò influisce sull'importo della retribuzione. In caso di divieto di assunzione, la gestante percepisce la retribuzione intera (cosiddetta indennità di protezione della maternità), calcolata sulla retribuzione media degli ultimi tre mesi solari prima della gravidanza. In caso di inabilità al lavoro, invece, sussiste il diritto alla continuazione del pagamento della retribuzione da parte del datore di lavoro per un periodo di sei settimane. Segue l'indennità di malattia più bassa versata dalla compagnia di assicurazione sanitaria.

Gravidanza: diritto alle ferie

La legge sulla protezione della maternità regola anche il diritto alle ferie delle donne in gravidanza. La futura mamma ha diritto alle ferie nonostante il divieto di impiego. Non è ammessa una riduzione delle ferie.

Gravidanza: protezione contro il licenziamento

Inoltre, il datore di lavoro di una donna non è generalmente autorizzato a dare un preavviso dall'inizio della gravidanza fino a quattro mesi dopo il parto. Ha questo diritto solo in casi molto speciali, come il fallimento della società. Il motivo dell'interruzione non deve quindi essere correlato alla gravidanza.

Il divieto di licenziamento si applica anche in caso di aborto spontaneo. Esiste poi una protezione contro il licenziamento fino a quattro mesi dopo l'aborto spontaneo.

Esenzione per esami preventivi

Il datore di lavoro deve rilasciare la futura mamma per le visite mediche preventive. La donna incinta questa volta non deve rilavorare e non deve subire alcuna perdita di guadagno a causa del congedo.

Conclusione: la protezione prima di tutto!

Nella legge sulla tutela della maternità, il legislatore ha emanato norme per la sicurezza delle donne durante la gravidanza e dopo il parto. Esistono, ad esempio, regolamenti separati per il posto di lavoro e il modo di lavorare e un divieto di lavoro regolamentato dalla legge. La gravidanza e il benessere di mamma e bambino dovrebbero essere garantiti in questo modo!

Tags.:  prevenzione mestruazioni rivista 

Articoli Interessanti

add