Fare il bagno nelle acque interne tropicali

Aggiornato il Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Dopo una giornata di trekking o di tour, molti laghi o fiumi tropicali invitano a fare una nuotata. A volte qui si nasconde un tipo speciale di pericolo, vale a dire le sanguisughe di coppia, parassiti simili a vermi che scavano nella pelle dei bagnanti e portano alla schistosomiasi. Dopo la malaria, la schistosomiasi è la malattia parassitaria più comune negli esseri umani ai tropici.

Si verifica solo nelle aree che ospitano una certa specie di lumaca d'acqua, di cui i parassiti hanno bisogno per svilupparsi. La lumaca può essere trovata sugli argini di acqua dolce ferma o che scorre lentamente. Le aree di distribuzione sono principalmente l'Africa, l'est dell'America centrale e meridionale e alcune aree dell'Asia.

Gli agenti patogeni penetrano attraverso la pelle a contatto con acqua dolce contaminata, ad esempio durante il bagno, il lavaggio, il guado in un ruscello o la pesca. Le larve vengono ingerite anche bevendo acqua contaminata. Da sei a 48 ore dopo l'ingresso dei parassiti, si verifica un'eruzione cutanea con forte prurito. Brividi, febbre, tosse e mal di testa seguono dopo due settimane. Se non trattate, le sanguisughe infettano l'intestino e la vescica e causano un disagio permanente. La schistosomiasi guarisce senza problemi, a condizione che venga trattata in tempo con l'agente antiparassitario praziquantel.

In sintesi, i consigli più importanti:

  • Informati prima della partenza e di nuovo sul posto se la schistosomiasi è comune nella tua zona di vacanza.
  • C'è un rischio particolare di infezione quando si fa il bagno in acque stagnanti con argini, non in cascate sassose in montagna.
  • La coppia di sanguisughe si riproduce solo in acqua dolce.
Tags.:  dieta primo soccorso anatomia 

Articoli Interessanti

add