Glutammato: un pericolo per fegato e cuore?

Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Monaco di BavieraTutti consumano ogni giorno l'esaltatore di sapidità glutammato. Scienziati internazionali hanno ora confermato che la sostanza è forse giustamente controversa. Nel loro studio, il glutammato ha avuto un effetto negativo sulla salute dei topi.

Topi a dieta

"Umami" è il nome del quinto gusto che il glutammato evoca sulla lingua. Non è dolce, salato, amaro o aspro, ma in qualche modo diverso - "umami". Ciò significa qualcosa come "abbondante, gustoso". Ma ci sono prove che il glutammato potrebbe scatenare malattie come l'obesità, il diabete, l'Alzheimer, il Parkinson e la sclerosi multipla. Per scoprire se l'additivo è dannoso per la salute, ricercatori provenienti da Giappone, America e Italia hanno sperimentato con i topi. Il team internazionale guidato da Koichi Tsuneyam e Makoto Fujimoto ha effettuato due esperimenti.

Nel primo, i ricercatori hanno somministrato il glutammato ai topi dopo la nascita. Il tessuto degli animali è stato quindi esaminato cinque volte in un anno, rispetto a un gruppo di controllo che non aveva ricevuto glutammato.

Nel secondo esperimento, gli scienziati hanno nuovamente confrontato i topi con glutammato con i topi di controllo. Questa volta, tuttavia, anche i roditori sono stati nutriti in modo diverso. Alcuni seguivano una dieta rigorosa: solo il 75% della dieta nel gruppo non dietetico.

Fegato infiammato, cuore minacciato

Lo studio uno ha mostrato che, a differenza degli altri topi, i topi con glutammato presentavano più frequentemente sintomi di steatoepatite non alcolica, un'infiammazione del fegato. Inoltre, hanno spesso sviluppato sintomi e malattie della sindrome metabolica, come sovrappeso (obesità), un equilibrio alterato di grassi e colesterolo, pressione alta (ipertensione arteriosa) o un livello di zucchero nel sangue anormalmente alto. La sindrome è considerata il più importante fattore di rischio per le malattie cardiovascolari.

Lo studio due ha mostrato che una dieta ipocalorica non previene la steatoepatite e l'obesità nei topi con glutammato, ma rallenta la progressione. Una dieta radicale non può evitare le malattie legate al glutammato, ma può ridurre la progressione, secondo i ricercatori.

uomo colpito

I risultati degli esperimenti sui topi non possono essere trasferiti direttamente agli esseri umani. Anche così, i ricercatori ritengono che il glutammato sia anche dannoso per la salute umana. Gli asiatici in particolare potrebbero essere colpiti, poiché i loro piatti contengono particolarmente spesso glutammato. Secondo gli esperti, gli studi sulla popolazione cinese mostrano un chiaro legame tra glutammato, obesità, diabete e sindrome metabolica.

Tuttavia, il glutammato è attualmente classificato come alimento sicuro, l'additivo è approvato per la maggior parte degli alimenti fino a una quantità massima di 10 g/kg. Il glutammato si trova principalmente in alcuni prodotti finiti. Ma anche in molti alimenti naturali, ad esempio manzo, parmigiano o piselli, in piccole quantità si può trovare anche nei pomodori o nel latte materno. (vv)

Tags.:  Diagnosi luogo di lavoro sano mestruazioni 

Articoli Interessanti

add